Villacidro TurismoVillacidro Turismo

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Vai al menu del sito



Sezioni del sito:

Vai su


Contenuti

Chiese e Natura

La chiesa di San Giuseppe a Villascema

 

Siti: Chiesa di San Pietro, Chiesa del Carmine, Chiesa di San Sisinnio, Chiesa di San Giuseppe
Tipologia: percorsi: in auto per i parchi
Tempo di percorrenza: intera giornata

Con brevi spostamenti in auto è possibile raggiungere alcune delle località più suggestive di Villacidro caratterizzate da un silenzio e un’atmosfera magica grazie alla presenza di santuari completamente immersi nella natura. Il connubio fede-natura accompagna e arricchisce di contenuto un viaggio che porta alla scoperta di antiche tradizioni e di profonda devozione.

Arrivando da Villasor, poco prima di entrare a Villacidro, sulla destra si trova una piccola chiesa di campagna dedicata a San Pietro pescatore. Difficile è datare con certezza la chiesa di San Pietro ma diverse fonti attestano che nel 1089 i monaci Vittorini si occuparono dell’edificazione di una chiesa dedicata al Santo proprio in questo luogo. Edificata laddove un tempo sorgeva il villaggio Leni, sorto lungo sponde del rio Leni, la cappella con la sua semplicità rappresenta oggi l’unica testimonianza di quel villaggio. Restaurata a seguito di un incendio doloso del 1921, attualmente si presenta con la volta a botte e priva di arredi di particolare pregio.

Una volta raggiunto il paese, consigliamo una breve passeggiata che, partendo dalla piazza Lavatoio, attraverso antichi vicoli e stradine in salita, conduce fino alla chiesa del Carmine, edificata nel XVII secolo e immersa nel verde di una centenaria pineta. La chiesetta rappresenta una delle mete più suggestive della cittadina per la bellezza del panorama e si anima soprattutto d’estate, in occasione dei festeggiamenti che dal 16 al 30 luglio si celebrano in onore della Vergine del Carmelo. Durante questo periodo centinaia di pellegrini si recano giornalmente alla cappella per rendere onore al simulacro della Madonna, per pregare e respirare una piacevole e leggera brezza estiva.

Dalla pineta si ridiscende al paese per riprendere l’auto e proseguire il viaggio verso le montagne. A pochi chilometri dal paese si trova la chiesa di San Sisinnio, edificata nei secoli XI e XII, immersa nell’atmosfera incantata di un bosco di olivastri millenari unico in Sardegna che sembrano quasi abbracciare e custodire, con i loro rami contorti, l’antico santuario.
Gli enormi olivastri, le tante leggende sul santo, le musiche e i canti in occasione della festa del santo, contribuiscono a rendere ancora più suggestivo questo luogo. Per raggiungerla si imbocca la strada davanti al palazzo del Municipio, la via Garibaldi, alla fine della quale si svolta a sinistra fino al bivio per San Sisinnio.

Visitato il parco di San Sisinnio, si prosegue verso la vicina località di Villascema: qui si trova la chiesetta campestre di San Giuseppe, circondata da numerosi ciliegeti che abbelliscono, con i loro intensi colori, l’intera vallata. La sua edificazione avvenne per volontà di un signorotto spagnolo, Lucifero Piras, che la fece costruire nel 1744 all’interno di una sua proprietà; la cappella passò, poi, in eredità di generazione in generazione a condizione che venisse aperta in occasione della festa del Santo, impegno che ancora oggi viene rispettato e che cade nel mese di giungo.
 

Risorse correlate

La chiesa del Carmine
 
La chiesa di San Sisinnio immersa nel parco
 
La chiesa di San Pietro pescatore
 
Home | Contatti | Mappa | Credits | Copyright Comune di Villacidro | Tutti i diritti riservati

Vai su