Villacidro TurismoVillacidro Turismo

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Vai al menu del sito



Sezioni del sito:

Vai su


Contenuti

Montegranatico e museo archeologico

Montegranatico

 

Durante il periodo sabaudo, allo scopo di debellare il fenomeno del prestito ad usura, praticato dai grandi proprietari e dal clero, nei confronti dei contadini più poveri, in ogni villaggio dell’isola venne istituito il Montegranatico che letteralmente significa “monte del grano”.

All’interno di ciascun paese venne individuato un appezzamento di terra che veniva coltivato gratuitamente dai braccianti e dai possessori di gioghi di buoi. Il raccolto veniva ammassato in queste strutture e dato in prestito, nell’anno successivo, a tassi di interesse bassissimi o nulli, a chi ne avesse avuto bisogno.

La struttura, dal 2003, ospita il "Civico Museo Archeologico Villa Leni: uno spazio espositivo dove sono raccolti numerosi e originali reperti provenienti dalle località archeologiche più rilevanti della zona. Dal territorio di Villacidro provengono la gran parte dei reperti che abbracciano un arco di tempo che va dall’età preistorica, precisamente dal Neolitico Recente (3500-2700 a.C.) al periodo della dominazione fenicio-punica e a quella romana (1300-1200 a.C.), fino all’Alto Medioevo.

Oggetti tra i più vari: ceramiche preistoriche della Cultura di Ozieri, modellini di nuraghi, ripostigli e bottoni bronzei d’età nuragica, statuine, vasellame, ecc raccontano l’antica storia di questi luoghi attraverso un breve ma singolare percorso museale.

 

 

Risorse correlate

Video sul Montegranatico e il Museo Archeologico
 
Montegranatico
 
Interno del Museo Archeologico
 
Interno del Museo Archeologico
 
Montegranatico
 
MAPPA: Visualizza la posizione nella cartina interattiva
Home | Contatti | Mappa | Credits | Copyright Comune di Villacidro | Tutti i diritti riservati

Vai su